Gara judo bambini aprile 2017 

Domenica mattina, nonostante la sveglia di buon ora, i nostri due atleti erano pronti e attenti per la loro gara.
Come al solito l'obbiettivo era di confrontarsi con altri bambini, di altre scuole, e di sperimentare quello che si era appreso in palestra.
Ho potuto osservare, con soddisfazione, che entrambi hanno applicato tanti insegnamenti usando la testa per affrontare i loro avversari, queste sono le basi per poter costruire una progressione tecnica che porti a dei risultati sia in gara che nella vita di tutti i giorni.
Quando sei attento a quello che fai puoi aggiustarlo e migliorarlo per applicarlo in maniera più efficace alla prossima occasione.
Mi piace pensare che essere consapevoli della situazione che hai davanti, ragionare sulle possibili conseguenze e prendere delle decisioni sia la base per migliorare il tuo Judo e per affrontare meglio la società in cui viviamo.
Continuate cosi ragazzi.

Matteo
  |  riferimento  |   ( 2.9 / 186 )
Gara Judo palazzetto mediolanum 2017 
Primo impegno nello shiai per Arianna che ha dimostrato di avere grinta da vendere ed in palestra tanta umiltà per imparare. Un incontro perso a terra ed uno vinto in piedi. Alla fine della gara una medaglia per tutti senza distinzione tra 1 e ultimi, questo è lo spirito per poter far Judo divertendosi crescendo. Quando affornti le prime gare è difficile ragionare e spesso non ricordi bene cosa e successo alla fine, tanta adrenalina e poca testa per ripetere quello che hai imparato in palestra. Il fare queste gare serve a vacinarsi ed abitaursi alla situazione cambiando i tuoi equilibri interni in modo tale che, a poco a poco, si abbia coscienza della situazione e si faccia quello che si sà fare senza altre distraziomi. Per me Il 19 è stata una bella Domenica mattina trascorsa tra amici assaporando un clima di festa ed energia.

Matteo
  |  riferimento  |   ( 3 / 237 )
Corsi di judo per bambini e ragazzi 



2017 Anno di assestamento.
Dopo un riposo che, tra elezioni e vacanze, è durato più di un mese eccoci di nuovo in pista per riprendere confidenza con tecniche conosciute e tecniche nuove, ma sopratutto per ritrovarsi e divertirsi insieme.
Due date da ricordare tra qui e la fine dell'anno scolastico:





19/02/2017 Randori Educativo Arbitrato
Palazzetto Mediolanum, via Ponte del Giuscano n. 1 / 2 – Milano (Quart.re Figino)
Categorie bambini /ragazzi
quota di partecipazione: Euro 10,00.
ore 8.30 categorie bambini (6/10 anni)
ore 10.30 categoria ragazzi (11/14 anni)
C.Bianche/Gialle: Ne Waza,
C.Arancioni/Verdi: Randori
C.Blu/Marroni: Randori
Cat. di Peso Bambini/e: 20 / 23 / 26 / 30 / 34 / 38 / 42 / 46 / 50 / +50 Kg.
Cat. di Peso Ragazzi: 32 / 36 / 40 / 44 / 48 / 52 / 57 / 62 / 68 / 75 + 75 Kg.
Cat. di Peso Ragazze: 32 / 36 / 40 / 44 / 48 / 52 / 56 / 60 + 60 Kg

09/04/2017 Randori Educativo Arbitrato e Prova di kata
Palazzetto Mediolanum, via Ponte del Giuscano n. 1 / 2 – Milano (Quart.re Figino)
Categorie bambini /ragazzi
quota di partecipazione: Euro 10,00.
ore 8.30 categorie bambini (6/10 anni)
ore 10.30 categoria ragazzi (11/14 anni)
C.Bianche/Gialle: Ne Waza,
C.Arancioni/Verdi: Randori
C.Blu/Marroni: Randori
Cat. di Peso Bambini/e: 20 / 23 / 26 / 30 / 34 / 38 / 42 / 46 / 50 / +50 Kg.
Cat. di Peso Ragazzi: 32 / 36 / 40 / 44 / 48 / 52 / 57 / 62 / 68 / 75 + 75 Kg.
Cat. di Peso Ragazze: 32 / 36 / 40 / 44 / 48 / 52 / 56 / 60 + 60 Kg
Prova di Kata:
Cinture bianca/gialla: Sei Ryoku (solo pugni) e/o primo gruppo Nage no kata e/o le
prime tre tecniche del Ju no kata
Cinture arancio/verde: Sei Ryoku (fino a Kagami Migaki incluso) e/o primo gruppo Nage no
kata e/o le prime tre tecniche del Ju no kata
Cinture blu/marrone: Sei Ryoku (Tandoku Renshu completo) e/o primo gruppo del Nage no
kata e/o il primo gruppo del Ju no kata


Matteo


  |  riferimento  |   ( 3 / 288 )
Riflessioni di un padre che pratica Judo 
Non inserirò immagini in questa riflessione perche' sarebbero superflue, ma scriverò semplicemente il che, forse, in un periodo storico sommerso dalla multimedialità non guasta.
Nella mia attuale classe ci sono 2 dei miei figli, questo mi ha permesso di comparare e gestire la mia figura di educatore con quella di padre.
E' un esperienza non facile da gestire (almeno per me) ma interessante. Mi ha rimesso in gioco su vari punti dell'educazione che avevo valutato solo dal punto di vista paterno.
Quando hai dei figli, sul tatami. sei costretto a vedere tutti gli alievi come figli per non fare delle discriminazioni, se trattassi tutti come alievi inavvertitamente si tenderebbe ad essere più duri per non far sembrare di avere delle preferenze, comunque dovrei distaccarmi troppo dal gruppo non permettendomi più di divertirmi e far divertire e se non ci diverte a far Judo a mio avviso è un peccato sopratutto per i bambini.
Nonostante tutte le difficoltà nel gestire la propia figura di padre e maestro devo dire che il solo passare dei momenti con i propi figli in un ambito lontano dalle mura domestiche e un'esperienza che sento di consiìgliare a tutti i genitori, a patto che tornando a casa il genitore non senta di potersi sostituire all'insegnante per dare consigli al figlio.
  |  riferimento  |   ( 2.9 / 89 )

Altre notizie
mizudojo | corsi di judo per bambini e ragazzi c/o scuola elementare di via Enrico De Nicola 2, Milano